Vai ai contenuti

Codice Etico

ASSOCIAZIONE

Del Dipartimento Arbitrale del Settore Calcio Nazionale
dell’E.P.S. Associazioni Sportive e Sociali Italiane  

Principi Ispiratori

- Lo sport è un diritto inalienabile della persona;
- Lo sport è momento preminente di integrazione sociale, di benessere psico-fisico e rappresenta uno strumento educativo privilegiato nel senso più ampio del termine;
- L' etica e la morale dell’arbitro di Alleanza Sportiva Italiana si basano sui principi cristiani della nostra tradizione.


Decalogo dell’arbitro ASI

1. L’arbitro di Alleanza Sportiva Italiana è esempio di lealtà e rispetto verso tutti;
2. Si pone l’obiettivo di dare sempre il meglio di sé anche perché crede nel valore del merito;
3. Apprende ed osserva scrupolosamente le direttive che i suoi dirigenti gli impartiscono;
4. Mette sempre impegno e professionalità per tutelare e dare lustro al buon nome dell’Ente.
5. Vive la sua passione arbitrale con equilibrio, responsabilità ed autorevolezza;
6. Disprezza l’utilizzo di droghe o prodotti dannosi per la salute nello sport;
7. Non usa mai linguaggio volgare o blasfemo e crede nel valore della giustizia;
8. L’aiuto al collega, chiunque egli sia, è insito nella propria cultura;
9. Tiene alla propria immagine ed a quella dell’Ente;
10. L’arbitro di Alleanza Sportiva Italiana è uno sportivo al servizio degli sportivi.

Varato a Settembre del 2009
Torna ai contenuti